11 aprile 2013

Aironi opportunisti



Antefatto:
solitamente mi affido ad una fotocamera compatta quasi tascabile, con un teleobiettivo risibile, ma sono libero nei movimenti e spesso non mi accorgo più di averla. Stavolta, invece, avrei dovuto portare ben altra attrezzatura. Pazienza, mi scuserete per la non qualità delle foto.


Atto I:
in prossimità delle vasche di un allevamento di trote, nei pressi di Visso, scorgo un gruppo di grandi uccelli. Potevano essere delle cornacchie? Fermo l'auto sul ciglio della strada e così riconosco uno stormo di una quindicina di aironi cinerini intenti a fare colazione con tutto quel ben di Dio a portata di becco. Appena mi vedono spiccano il volo all'unisono.  Resto a guardarli mentre si posano, dopo lente e ampie volute, su un costone qualche decina di metri  sopra le vasche.


Atto II:
Seguo il consiglio di Roberto che avevo letto su questo bellissimo post: "A volte, uno dei modi migliori per scattare una fotografia ad un uccello, e' quello di starsene tranquillamente seduti in macchina. Lo so che non e' molto avventuroso, ma spesso e' il modo piu' redditizio."  Rimango perciò seduto in auto a scrutare gli aironi sperando in un loro ritorno per riprenderli da vicino; loro fingono indifferenza nei miei confronti ma, anche se restano di profilo, so che mi controllano, eccome: chi con l'occhio destro e chi con quello sinistro.


Epilogo:
Io credo di essere il più furbo, ma ho poco tempo a disposizione, non più di un quarto d'ora. I pennuti, invece, sono saggi e il loro scorrere del tempo è dissimile dal mio. 
Hanno vinto loro!



Morale della storia:
la Saggezza vince sulla Furbizia, ma senza fretta. 
   

3 commenti:

  1. Pensa che pochi giorni fa in Alsazia ho visto una cicogna.
    Fermo la macchina e torno indietro.
    Volevo fotografarla da vicino, così ho aperto piano piano la portiera e sono scesa, e lei, svelta come un fulmine, è volata via prima che io riuscissi a scattare.

    RispondiElimina
  2. Anonimo11/4/13

    Secondo me, Leo hai ricevuto un dono, quello di vederli e di poterli ammirare.
    Può bastare, non credi?
    ciao fra

    RispondiElimina
  3. Sembra impossibile, ma fino a pochi anni fa questi uccelli erano cacciati, imbalsamati e mostrati come trofei.

    RispondiElimina