25 maggio 2016

Abbazia di Sant'Urbano di Apiro... e luce sia.


E luce sia: Abbazia di Sant'Urbano di Apiro ore 7.15

Avevo descritto nel post precedente (" Il raggio di luce ritrovato" - clicca qui) come quando e perché il Sole sarebbe entrato nell'Abbazia di Sant'Urbano di Apiro il 25 maggio. Ma un conto è sentirlo raccontare e guardarlo in fotografia e un conto è stare nella chiesa di prima mattina, ancora fresca e in penombra, e farsi inondare all'improvviso dai raggi del sole, caldi e accecanti, che sbucano da ogni... poro delle vetrate o dall'occhio luminoso costruito sopra l'altare. 

Raggi di sole visibili anche dalla monofora-vista-altare all'interno di quella che una volta era la cella di un frate, oggi trasformata in una meravigliosa camera d'albergo. 

Monofora con vista. 

Niente di trascendentale ovviamente, il raggio di sole è solo un bellissimo effetto scenico medievale che possiamo ammirare ancora oggi. Il vero miracolo sono le tante persone che si sono alzate all'alba pur di assistere all'evento nell'Abbazia. E' stata una festa. 


Abbazia di Sant'Urbano  ore 7.41 ; centro!
Una frase scritta sul registro presenze dell'Abbazia testimonia anche di una certa ressa per vedere il raggio sovrapporsi al cerchio inciso sulla pietra.

Se non state tutti ammucchiati possono vedere anche gli altri (traduz.).

Il Sole (si fa per dire) non sta mai fermo, perciò, dopo aver superato il solstizio d'estate, ritornerà il   19 luglio alla stessa ora... e lo spettacolo continua. Non può essere un'idea per visitare l'Abbazia, Apiro e la Valle di San Clemente? 

2 commenti:

  1. E' bello che si sia recuperata la memoria di questo occhio di luce che entra nell'abbazia il giorno di Sant'Urbano. Gli effetti scenici antichi fatti con il sole hanno un fascino fortissimo.
    Ciao Leo a presto!

    RispondiElimina
  2. Mi piacciono questi post, perche hanno qull naturalezza che è sintomo di bellezza. le foto parlano da se. Complimenti Leo
    A presto
    Maurizio

    RispondiElimina