10 dicembre 2013

La notte della "Venuta"


Valcerecce (MC)                   9.12.2013

Non spaventatevi se il 9 dicembre di ogni anno vi capiterà di scorgere, tra le colline e i paesi, una miriade di fuochi punteggiare la notte marchigiana. E' una devozione e una tradizione secolare quella di accendere dei falò per ricordare il viaggio... aereo "from Palestina to Loreto" della Santa Casa: la casa della Madonna. Tutte quelle luci simboleggiano l'aiuto che gli uomini offrono agli angeli per indirizzarli nella giusta direzione perché furono proprio loro, gli angeli, ad accollarsi la fatica del trasporto.

Come mai è ancora così sentita questa tradizione? Chissà! Forse anche perché non si ricorda il santo super-eroe vissuto anni luce da noi e irraggiungibile nella sua perfezione e santità, ma si dà un aiuto agli angeli, quelle entità amiche che ci hanno protetto e fatto compagnia già dalla culla. E' come se la tradizione religiosa e la favola si fossero unite per aprire una finestra sul mondo magico della nostra infanzia.

 

Succede anche in Umbria, a Norcia (clicca qui).

12 commenti:

  1. da piccola, quando i miei mi portarono per la prima volta a visitare le Marche fantasticai molto per quel volo d'angeli con la casetta in spalla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da piccolo pensavo che quella casa poteva cadere sulla nostra, un po' come Asterix e i suoi amici Galli che temevano la caduta del cielo sulle loro teste.

      Elimina
  2. Non sapevo su questa tradizione della tua zona! E 'sempre interessante conoscere questi eventi culturali che trascendono perche ci permette conoscere alla gente e la loro sensibilità. Grazie per la informazione, e grande abbraccio Leo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è dell'altro. Un' amica mi ha ricordato che i fuochi "erano riti dedicati alla luce del sole che nell'inverno si spegneva... poi la Chiesa ha recuperato il rito cambiandone il senso."
      Ciao Patzy.

      Elimina
  3. Una bella tradizione che spero rimanga ancora manifestata.Complimenti e grazie di avermela fatta conoscere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Valcerecce la tradizione continuerà certamente. Stiamo pensando di arricchirla con vin brulé e castagne arrosto, gelo permettendo. Se passi di lì.....

      Elimina

  4. Una bella tradizione che purtroppo non conoscevo o non ricordavo... l'ho scovata pure dalle mie parti, nel borgo di Saltara.
    Grazie Leo!
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà in quanti luoghi è ancora viva questa tradizione in ... barba ... alla modernità. Ciao.

      Elimina
  5. Belle tradizioni marchigiane e italiane
    Buone Feste,Costantino

    RispondiElimina
  6. Buon Anno, Leo! E grazie per l'attenzione!

    RispondiElimina