02 settembre 2015

Facce da selfie: evviva il selfie!

Baia di Portonovo (AN)

In una giornata di mare ho visto più selfie che pesci. Selfie dappertutto e in tutte le ore, in solitaria o di gruppo, in pose gessate, curiose o imbarazzanti per chi guarda anche senza volerlo. Un episodio speciale lasciatemelo raccontare in dettaglio.

A pochi metri dal nostro ombrellone una ragazzina appena adolescente, bellissima, si fotografa in pose da modella con sorrisi a denti abbaglianti. Dopo un decina di minuti arriva la sorella di circa 4/5 anni, che è lì solo di passaggio con il secchiello colmo d'acqua e fango, e la coinvolge, suo malgrado, in un altra serie a raffica di selfie: le pose della "modella" sono sempre le stesse mentre la piccola si esibisce in sbadigli, linguacce e smorfie. A fine... reportage le due sorelle si trovano abbracciate, così iniziano a toccarsi, ad accarezzarsi, a baciarsi e a giocare rotolandosi una sull'altra.
Il tempo di guardarsi attorno e poi si fiondano dai genitori, poco distanti, sprofondati in una pennica estrema sotto l' altro ombrellone (quello verde della foto), li svegliano e ricomincia un'altra serie infinita di selfie. E anche stavolta, alla fine degli scatti, come se ci fosse un accordo tacito tra i quattro, si ripete la scena di prima in cui tutti s'intrecciano ridendo e giocando insieme: stupendi!.

Che dire! se il selfie è anche questo: evviva il selfie.

Baia di Portonovo (AN)

Se ripenso alle valanghe di critiche apparse sui media per questo tipo di autoritratto mi viene solo da ridere: i selfie non nuociono né alla salute né all'ambiente, mi pare, e se l'originalità e la spontaneità non sono la loro caratteristica principale rinfreschiamoci la memoria con qualche nostro vecchio album fotografico e contiamo tutti i "cheese" stampati tutti uguali sui volti.
L'unica controindicazione del selfie è che non puoi più attaccare bottone con qualche sconosciuto/a chiedendogli "scusi! può scattarci una foto per favore?"


ps: solo dopo aver trasferito le foto sul pc ho notato la ragazza (in alto a destra) intenta a immortalare il suo eroe muscoloso a fine nuotata. La ricordo bene perché dopo pochi attimi è entrata in acqua e si è sparata anche lei un selfie, abbracciata al suo lui. 


5 commenti:

  1. non si può dire che non ci sarà memoria visiva di questa generazione

    RispondiElimina
  2. E' l'era del ..io c'ero!
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  3. Bravo Leo, un po' di buonumore, invece di quelli che stanno sempre a criticare (detto da una che non ha neanche lo smartphone)!

    RispondiElimina
  4. Un approccio positivo verso i selfie... ad un retrogrado, brontolone come me, può fare solo bene ! )
    Ma ho visto persone rendersi ridicole con uno smartphone in mano.
    Ciao Leo, a presto!

    RispondiElimina
  5. Per uno dell'epoca dell' "autoscatto" come me, quando si correva per essere più veloci per essere inquadrati dalla macchina fotografica prima che scattasse, il selfie è troppo comodo... comunque, scherzi a parte, concordo con barba. Ciao, alla prossima!

    RispondiElimina